Casa & Company

Agenzia Immobiliare di Torino

VALIDITA’ ASSEGNI BANCARI

L’assegno di conto corrente bancario ha un termine di prescrizione di sei mesi dalla data di emissione.

 

Quindi, trascorsi sei mesi dalla data di emissione, anche se ci sono i soldi sul c/c, la banca per pagare l’assegno deve chiedere conferma ed autorizzazione al correntista che lo ha emesso. Se quest’ultimo la nega, l’assegno si restituisce insoluto, non protestato e prescritto.
Se l’assegno arriva all’incasso 8 o 15 giorni dopo la data di emissione (8 giorni se su piazza, ossia se il luogo di emissione dell’assegno è lo stesso della piazza della banca su cui l’assegno è tratto –  15 se fuori piazza) in caso di mancanza di fondi, non può essere protestato.

Per questo motivo, a tutela dei venditori, nelle proposte di acquisto le scadenze dei termini per l’accettazione non dovranno mai superare gli 8 o 15 giorni (verificare le piazze delle parti) e gli assegni dovranno essere consegnati sempre entro i giusti termini.

Per prolungare i termini si può optare per l’assegno circolare.